Newsletter 17.07.2019

COS’È IL CODICE EORI?
Approfondiamo il tema del codice EORI: di cosa si tratta, a cosa serve e cosa succede se non lo si possiede

Il codice E.O.R.I. (Economic Operator Registration and Identification) è un sistema di numerazione introdotto nel 2009 dall’Unione Europea. Si tratta di un codice alfanumerico per la registrazione e l’identificazione degli operatori economici

Clicca qui per leggere la newsletter

Newsletter 03.07.2019

PARLIAMO DI ORIGINE PREFERENZIALE
L’origine preferenziale garantisce l’esenzione o la riduzione dei dazi – la difficoltà sta nell’individuarla correttamente!

Per origine preferenziale si intende uno status della merce grazie al quale viene assegnato il diritto ad un trattamento preferenziale, ovvero un dazio ridotto o un’esenzione dal dazio. Vediamo quali sono le domande chiave da porsi per procedere alla corretta individuazione di tale status.

Clicca qui per leggere la newsletter

Newsletter 19.06.2019

COSA INSERIRE NELL’ESTEROMETRO?
Nell’esterometro solo le operazioni soggette all’obbligo di registrazione

L’esterometro ha l’obiettivo di rilevare le operazioni per cui non c’è obbligo di emissione della fattura elettronica, poichè effettuate con soggetti passivi Iva che non sono stabiliti in Italia.

Riguardo agli acquisti sorgono però dei dubbi – trattandosi di operazioni intercorse con controparti non residenti, vanno inserite nell’esterometro?

Clicca qui per leggere la newsletter

Newsletter 05.06.2019

RETTIFICHE DELLE CESSIONI COMUNITARIE
Quali sono le regole in merito alle note di variazione Iva?

L’inserimento delle note di variazione in diminuzione nell’esterometro segue le modalità di emissione e registrazione delle stesse.

Per quanto riguarda le operazioni intracomunitarie, non c’è una regola specifica per l’emissione delle note di variazione in ambito Ue. Vediamo di capirci qualcosa in più…

Clicca qui per leggere la newsletter

 

Newsletter 15.05.2019

IL CERTIFICATO D’ORIGINE SI RICHIEDE ONLINE

Dal 1° giugno 2019, la domanda di rilascio del certificato d’origine DEVE essere presentata in modalità telematica. Il certificato, però, deve essere comunque ritirato fisicamente in Camera di Commercio.

Proprio in tale contesto interviene Doganaconsulting, con l’obiettivo di snellire tale procedura ed assicurare alle aziende una compilazione scrupolosa e precisa. Il nostro servizio prevede l’analisi dei documenti, la compilazione e la richiesta on-line del Certificato d’Origine, il ritiro in cciaa e la resa al cliente.

Clicca qui per leggere la newsletter

Newsletter 30.04.2019

QUANDO LA CONDIZIONE DOGANALE CEDE IL PASSO A QUELLA SOSTANZIALE

In base a quanto decretato dalla Corte di giustizia, gli Stati membri devono esentare da Iva “le cessioni di beni spediti o trasportati, dal venditore o per suo conto, fuori dalla Comunità”.

Tale disposizione non fa riferimento alla condizione del vincolo dei beni al regime doganale dell’esportazione, da cui il dubbio relativo all’eventuale applicazione della seguente condizione: “Le esenzioni previste ai capi da 2 a 9 si applicano, salvo le altre disposizioni comunitarie e alle condizioni che gli Stati membri stabiliscono per assicurare la corretta e semplice applicazione delle medesime esenzioni e per prevenire ogni possibile evasione, elusione e abuso”.

Clicca qui per leggere la newsletter

Newsletter 17.04.2019

ESTEROMETRO

Si tratta del documento di comunicazione delle operazioni transfrontaliere. Nasce con l’obiettivo di far emergere le operazioni che non hanno obbligo di emissione della fattura elettronica, perché effettuate con soggetti passivi Iva non stabiliti in Italia. In quest’ultima categoria rientrano anche le posizioni Iva “identificate” in Italia di soggetti non residenti.
Per quanto concerne gli acquisti, però, il soggetto passivo italiano deve inserire nell’esterometro le operazioni passive effettuate con controparti non residenti…

Clicca qui per leggere la newsletter

Newsletter 04.2019

LA PROVA DELLA CESSIONE INTRACOMUNITARIA

La risposta della Agenzia delle Entrate Divisione Contribuenti ad un interpello di una società che effettua cessioni di beni a clienti stabiliti all’interno della U.E. (nr. 100/2019) fa chiarezza sulla documentazione a prova della cessione intracomunitaria che ora può essere fatta anche con una dichiarazione del cessionario di ricevimento della merce.

Clicca qui per leggere la newsletter