BREXIT

Quali sono le potenziali conseguenze per le esportazioni?

brexit
Cosa comporterà la Brexit per chi esporta?

Brexit: in caso di mancato accordo, si potranno sviluppare diversi possibili scenari in merito alle esportazioni. Vediamo di seguito i principali.

1) Merce UE esportata da EU27 in uscita dall’ufficio di uscita nel Regno Unito

Al fine di analizzare questo primo scenario, risulta necessario distinguere due casistiche. Un primo caso prevede il recesso del Regno Unito quando la merce si trova nel territorio EU27. La seconda situazione implica il recesso del Regno Unito quando la merce si trova nel territorio del Regno Unito.

a) Recesso del Regno Unito quando la merce si trova nel territorio EU27

– La merce dovrebbe essere presentata presso l’Ufficio di uscita all’interno del territorio doganale dell’Unione (deviazione);

– L’ufficio di uscita effettivo conferma l’uscita fisica della merce e solo in quel momento la merce può lasciare l’UE;

– Proseguimento della circolazione della merce all’interno del Regno Unito sotto vincolo di un regime UK.

b) Recesso del Regno Unito quando la merce si trova nel Regno Unito

– Non si è applicata alcuna regola per l’uscita della merce;

– La merce verrà movimentata in uscita secondo le norme del Regno Unito. Il Regno Unito non potrà inviare messaggi attraverso ECS per confermare l’uscita fisica della merce;

– L’ufficio di esportazione chiude l’esportazione in ECS sulla base di una prova alternativa.

2) Merce UE esportata da EU27 via Regno Unito e diretta all’ufficio di uscita nel territorio EU27

Anche questo secondo scenario legato alla Brexit comporta il bisogno di individuare diverse situazioni.

a) Recesso del Regno Unito quando la merce si trova nel territorio EU27

– La merce dovrebbe essere presentata presso un ufficio di uscita che si trovi nel territorio doganale dell’Unione (deviazione);

– Una dichiarazione sommaria di entrata sarà depositata presso l’ufficio doganale di primo ingresso nel territorio EU27;

– A seguito del rientro in EU27, per raggiungere il punto di uscita da cui la merce lascia definitivamente il territorio doganale dell’Unione, la merce dovrà essere vincolata ad un regime di transito esterno o qualsiasi altro regime che consenta la circolazione della merce in temporanea custodia a seconda delle norme doganali applicabili all’effettiva modalità di trasporto;

– Dovrebbe essere depositata presso l’ufficio di uscita EU27 una notifica di riesportazione, una dichiarazione di riesportazione o una dichiarazione sommaria di uscita.

b) Recesso del Regno Unito quando la merce è nel territorio del Regno Unito

– A partire dalla data di recesso, la merce perde il suo status UE;

– Una dichiarazione sommaria di entrata dovrà essere depositata presso l’ufficio doganale di primo ingresso nel territorio EU27;

– A seguito del rientro in EU27, per raggiungere il punto di uscita dal quale la merce lascia definitivamente il territorio doganale dell’Unione, questa dovrà essere vincolata ad un regime di transito esterno o a qualsiasi altro regime che consenta la circolazione della merce in temporanea custodia a seconda delle norme doganali applicabili all’effettiva modalità di trasporto;

– Dovrebbe essere depositata presso l’ufficio di uscita EU27 una notifica di riesportazione, una dichiarazione di riesportazione o una dichiarazione sommaria di uscita;

– L’ufficio esportazione chiude l’esportazione in ECS in base ad una prova alternativa.

c) Recesso del Regno Unito, dopo che la merce è rientrata nel territorio EU27

– Il paese europeo interessato può far uscire la merce come dichiarato

3) Merce esportata dal Regno Unito diretta ad ufficio d’uscita nel territorio EU27

Procediamo nuovamente alla distinzione di casistiche differenti tra loro che possano derivare dalla Brexit.

a) Recesso del Regno Unito quando la merce si trova nel territorio del Regno Unito

– Quando la merce lascia il Regno Unito è vincolata ai regimi doganali del Regno Unito;

– A partire dalla data di recesso la merce perde lo status UE;

– Una dichiarazione sommaria di entrata dovrà essere depositata presso l’ufficio doganale di primo ingresso nel territorio EU27;

– Per raggiungere il punto di uscita dal quale la merce lascia definitivamente il territorio doganale dell’Unione, questa dovrà essere vincolata ad un regime di transito esterno o a qualsiasi altro regime che consenta la circolazione della merce in temporanea custodia o a seconda delle norme doganali applicabili all’effettiva modalità di trasporto;

– Dovrebbe essere depositata presso l’Ufficio di uscita EU27 una notifica di riesportazione, una dichiarazione di riesportazione o una dichiarazione sommaria di uscita.

b) Recesso del Regno Unito quando la merce si trova nel territorio EU27

– L’ufficio di uscita può far uscire la merce attraverso il sistema ECS ma non sarà abilitato a dare conferma elettronica dell’uscita fisica della merce all’ufficio di esportazione del Regno Unito, poiché alla data del recesso il Regno Unito non sarà più connesso al sistema ECS;

– L’ufficio di uscita è tenuto a rilasciare prova dell’uscita della merce.

 

Maggiori approfondimenti nel sito dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli:

https://www.adm.gov.it/portale/infobrexit


Ti è piaciuto questo articolo? Vorresti saperne di più di Brexit? Faccelo sapere lasciandoci un commento.

Se ti interessa approfondire delle tematiche legate al mondo del commercio internazionale in modo dettagliato, dai un’occhiata ai nostri corsi on-line.