DAE, DAT, DAA E DAS

DAE, DAT, DAA E DAS

Facciamo chiarezza su questi concetti

Questo articolo del nostro blog intende fornire una panoramica dei documenti di esportazione e transito. Andiamo inoltre a presentare i documenti necessari in caso di accise.

Il DAE è il Documento di Accompagnamento di Esportazione.

Dal 1° luglio 2007, la prova dell’esportazione delle merci non è più costituita dal “visto uscire” apposto sull’esemplare 3 del DAU, ma da un messaggio elettronico (il DAE appunto), che scorta la merce sino alla dogana di uscita. Tale documento è emesso dalla dogana di esportazione per le operazioni in procedura ordinaria o è stampato direttamente dall’azienda sulla base dei messaggi scambiati telematicamente per le operazioni in procedura ordinaria o è stampato direttamente dall’azienda sulla base dei messaggi scambiati telematicamente per le operazioni in procedura di domiciliazione.

Il DAE è importante in quanto ha valenza di prova dell’uscita delle merci dal territorio dell’UE. Quest’ultima infatti non è più fornita dal timbro apposto sul documento cartaceo da parte della dogana d’uscita, bensì dal messaggio elettronico di “uscita” che la dogana di uscita competente invierà alla dogana di esportazione tramite il sistema ECS (Export Control System) e di cui l’operatore riceverà certificazione tramite il messaggio “notifica di esportazione” da parte della dogana di esportazione.

Il DAT è il Documento di Accompagnamento Transito.

Si tratta di un documento che segue le merci dalla loro partenza fino all’arrivo a destinazione nell’ambito del sistema di transito informatizzato NCTS (New Computerised Transit System). In pratica tale sistema consente di presentare le dichiarazioni di transito avvalendosi di procedure telematiche e di ottenere la stampa di un documento di accompagnamento transito (DAT) che accompagnerà le merci fino alla dogana di destinazione, sostituendo di fatto gli esemplari 4 e 5 del DAU che il vettore è tenuto a presentare in Dogana.

L’MRN è il Movement Reference Number, ovvero un numero assegnato a tutti i documenti informatizzati per l’esportazione (DAE) o per il Transito (T1/T2).

Il DAA è il Documento Amministrativo di Accompagnamento. Serve a scortare i prodotti soggetti ad accisa.

Il DAS è il Documento Amministrativo Semplice. Serve a scortare i prodotti soggetti ad accisa già assolta.

Ti interessa ricevere maggiori informazioni sul mondo degli scambi con l’estero? Allora iscriviti alla nostra newsletter, cliccando qui.

Blarasin nominato membro del nuovo Direttivo di AssoCAD

Blarasin membro del direttivo Assocad
Il titolare di Doganaconsulting è stato nominato membro del nuovo direttivo di AssoCAD

Il titolare di Doganaconsulting, Sandro Blarasin, è ora membro del direttivo Assocad. Trattasi di un riconoscimento importante, che permette alla nostra azienda di proseguire il proprio processo di affermazione nel territorio nazionale. L’Assocad è infatti l’Associazione Nazionale dei Centri di Assistenza Doganale. Rappresenta dunque tutti i CAD sparsi per l’Italia, supportandone i diritti e tutelandone le esigenze.

Cos’è AssoCAD?

Fondata nel 1995, AssoCAD è l’associazione dei CAD (Centri di Assistenza Doganale), istituiti al fine di assicurare alle aziende che commerciano con l’estero lo snellimento delle pratiche doganali e la semplificazione dei contatti con la Pubblica Amministrazione.

I CAD forniscono agli operatori con l’estero servizi di assistenza e consulenza per lo svolgimento delle pratiche doganali, l’elaborazione e la presentazione delle dichiarazioni “intrastat”, per i compiti relativi alla detenzione ed al trasporto delle merci soggette ad accisa ecc., per l’asseverazione delle dichiarazioni fiscali e per la rappresentanza delle categorie interessate presso la Pubblica Amministrazione.

Nuovo Direttivo Assocad

L’8 giugno 2019 si è tenuta a Firenze l’Assemblea annuale dell’Assocad, la quale ha eletto i componenti del nuovo Consiglio Direttivo, Collegio dei Revisori e Collegio Probiviri dell’Associazione Nazionale dei Centri di Assistenza Doganale per il triennio 2020 – 2023.

In particolare, il titolare di CAD Doganaconsulting è stato nominato membro del Collegio dei Probiviri. Si tratta sicuramente di un onore e di un impegno, con cui si intende portare avanti e promuovere il valore dei CAD – organismi che si rinnovano costantemente per fornire servizi non solo di assistenza ma anche di vera e propria consulenza e formazione.

Ti interessa ricevere tutte le news di Doganaconsulting? Allora iscriviti alla nostra newsletter cliccando qua.

Parliamo di origine preferenziale

Trattiamo il concetto di origine preferenziale
Cosa significa origine preferenziale e cosa comporta?

Per origine preferenziale si intende uno status della merce grazie al quale viene assegnato il diritto ad un trattamento tariffario preferenziale. Tale diritto si sostanzia in un dazio ridotto ovvero in un’esenzione dal dazio in virtù di specifici accordi di libero scambio sottoscritti fra il paese di esportazione e il paese di destinazione della merce.

Tali accordi prevedono, al fine di evitare diversioni di traffici e con l’obiettivo di premiare i soli prodotti effettivamente fabbricati all’interno del territorio dei paesi aderenti all’accordo, dei protocolli in cui sono elencati i criteri per la determinazione dell’origine preferenziale. Quest’ultima può essere conferita o meno, analizzando l’elenco delle trasformazioni considerate sufficienti (anche dette regole di lista).

Che domande porsi?

A tal proposito, le domande da porsi sono le seguenti:

  • L’Unione Europea ha stipulato accordi di commercio preferenziale con il paese in cui la merce è destinata o da cui proviene?
  • Quali sono le regole di origine previste dagli accordi con il paese interessato?
  • Quale documentazione deve conservare l’azienda per comprovare l’origine preferenziale e produrre in caso di eventuali controlli a posteriori?

Va considerato che gli accordi su cui si basano le concessioni di preferenze tariffarie hanno diversa natura. L’Unione Europea ha infatti stipulato accordi di natura bilaterale, unilaterale e i cosiddetti accordi di Unione Doganale.

Nel primo caso le preferenze tariffarie sono concesse in via reciproca dai paesi contraenti. La seconda opzione implica una concessione dall’Unione Europea senza alcuna reciprocità. Nel terzo caso è prevista l’abolizione completa delle tariffe negli scambi tra i paesi dell’Unione DOganale.

A tali quesiti possiamo fornire le risposte corrette, in modo da assicurarti di trarre il miglior beneficio dall’applicazione dell’origine preferenziale.

Inviaci un’e-mail a info@doganaconsulting.com o chiamaci al numero 0434 573271; saremo felici di fornire il nostro supporto.